Agosto 2016 , Karimunjawa Yogyakarta Bromo

Un viaggio bellissimo, un mix di cultura, natura e mare splendido

Sicuramente un viaggio non per tutti, lentezza nei trasporti e lunghi spostamenti in auto e altrettanti in barca .

Da Bali abbiamo volato su Semarang e poi con auto siamo andati a Jepara, dove abbiamo dormito una notte, la mattina dopo abbiamo preso un traghetto per Karimun, le isole karimunjawa sono veramente belle, tanti atolli corallini dalla sabbia bianca e mare cristallino, ma noi, che amiamo la diversità è piaciuta soprattutto l’isola principale, un trionfo di vette verdissime, stradine dissestate che portano a piccole baie da cartolina e dei mini paeselli, scordiamo il progresso qua è tutta vita semplice.

Abbiamo salutato il paradiso corallino di Karimunjawa e Una lunga traversata di 6 ore ci ha riportato a jepara, da lì con altre 4 ore di auto siamo arrivati a Borobudur, abbiamo soggiornato in una piccola guest house a due passi dall’imponente sito archeologico, è stato bellissimo poter vedere nuovamente questa meraviglia di altri tempi .

Dopo la cultura ci siamo ributtati nella meravigliosa natura Indonesiana , con un trekking tra le risaie a terrazza di Magelang , prima di dedicarsi alla visita di Yogyakarta e alsuo mercato all’aperto che si tiene in Jalan Malioboro, poi ancora arte e siti antichi Prambanan , Candi Sewu, Candi Plaosan .

Stanchi ? mai ! un volo ci ha portato a Surabaja , ancora auto fino a Cemoro Lawang ultimo paese arroccato sul dorsale prima del Bromo Tengger Semeru National Park , freddo umido e un clima instabile non ci ha fatto desistere e abbiamo fatto la nostra scalata fino al Bromo , Rombante e fumante come mai.

Terminiamo questo fantastico viaggio , bagnati dalle cascate di Madakaripura waterfal, poco conosciute ma veramente belle prima di risalire su un volo che ci riporta a Bali  

Ciao Giava , alla prossima .